Notizie

L’ex CEO di Gox non vuole il miliardo di dollari

L’ex-CEO di Gox, Karpeles, dice di non volere avanzi di 1$ per i fondi di liquidazione post-liquidazione. L’ex amministratore delegato di Gox ha affermato in una dichiarazione del 4 aprile che “non vuole” i 160.000 BTC (1,12 miliardi di dollari) che verranno lasciati dopo che lo scambio ripagherà i creditori.

Mark Karpeles ha dichiarato di aver trovato spiacevole il miliardo di dollari inaspettati, che deriverà dalle procedure di bancarotta in Giappone.

“Il modo in cui funziona il diritto fallimentare [in Giappone] è che se ci sono beni rimanenti dopo che i creditori sono stati pagati per intero, allora tali beni sono distribuiti agli azionisti come parte della liquidazione”, ha spiegato nei commenti introduttivi.

Questo è l’unico modo in cui qualsiasi legge sul fallimento può ragionevolmente funzionare. Eppure, in questo caso, produce un risultato egregiamente sgradevole in quanto gli azionisti di MtGox andrebbero via con il valore di oltre 160.000 bitcoin a causa di quanto accaduto.

Le critiche a Karpeles e al processo di rimborso si sono intensificate negli ultimi mesi dopo che un trustee del consiglio di amministrazione stava vendendo grandi quantità di Bitcoin sulle borse principali. I volumi erano così ampi che i sospetti rimangono le vendite influenzate ingiustamente dai prezzi dei Bitcoin in tutto il mondo.

Anche l’AMA di mercoledì ha visto la sua quota di detrattori di Karpeles, alcune critiche di livello a causa delle domande che hanno continuato a rispondere per lunghi periodi. Dopo essere stato rilasciato su cauzione, il francese è apparso periodicamente sulla stampa e online per rispondere alle domande della comunità di criptovalute.

Previous ArticleNext Article

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *